Salta direttamente al contenuto
Liutprand - Associazione Culturale

Liutprand - Associazione Culturale

Articoli

di Nuredin Hagi Scikei

DISTRUTTO UN MONUMENTO IN UNA MOSCHEA A MOGADISCIO


Mogadiscio, 19 settembre 2018.

Quando si parla di moschee, si tende a pensare che la religione sia l'argomento principale. Tuttavia, oltre ad essere un luogo di culto e di celebrazione per riti di passaggio della vita umana (nascita, circoncisione, matrimonio, divorzio e sepoltura) e scopi di carità e beneficenza, le moschee sono il luogo dove la società è stata educata nei secoli, attraverso il Corano e la legge islamica. Questo serviva per formare i futuri giuristi. Allo stesso tempo, le moschee sono preziose fonti e documenti storici per diversi campi come l'architettura, l'archeologia, l'arte, la storia e altre scienze sociali. Le decorazioni e le iscrizioni nelle moschee sono la prova dei contatti tra gli abitanti di varie località e testimoniano l'influenza culturale lasciata dalle popolazioni straniere.

Dal 700 al 1000 (secondo la datazione del calendario occidentale), l'architettura di molti paesi islamici è documentata attraverso le moschee. Nelle città costiere della Somalia, le moschee sono l'unico tipo di costruzioni anteriori al 1500 che sia sopravvissuto abbastanza a lungo da essere studiato. Tutto ciò che comporta manomissioni, modifiche o, peggio ancora, la loro distruzione è un vero crimine che dovrebbe essere severamente punito dalla legge.

In Somalia, da quasi un secolo, è in corso una distruzione sistematica di tutte le antiche fonti storiche. Ciò accade a volte a causa dell'ignoranza, ma è spesso accaduto e continua a verificarsi per ragioni politiche e sociali odiose. Alcuni studiosi usano il termine latino damnatio memoriae che ben riassume questo processo di distruzione.

Damnatio memoriae è un termine accademico coniato alla fine del diciassettesimo secolo per descrivere qualsiasi distruzione sistematica di monumenti, riti di culto o testi che possa ricordare un "nemico" giustiziato in modo positivo.

Fig. 1 - La distruzione del muro antico per creare un nuovo pulpito. Si noti la scala appoggiata sulla preziosa decorazione del 1238.

Fig. 2 - Il minbar è stato distrutto.

Cancellare la memoria storica di un personaggio era una pratica usata già dagli antichi Egizi e in seguito ampiamente utilizzata dai Romani. Nella storia recente, ci sono molti esempi in diversi paesi della pratica di damnatio memoriae. La distruzione della maggior parte delle opere medievali in Somalia è esattamente uno di questi casi, spesso mascherati dalla scusa di "modernizzare" e "restaurare" antiche moschee! La manipolazione della memoria storica diventa un mezzo per la competizione clanica.

Fig. 3 - Una vecchia immagine con il mihraab e uno scorcio del minbar di legno, oggi distrutto.

All'inizio di settembre, mentre si "restaurava" l'antica moschea Jaama (636 AH / 1238 E.C.), l'unico esempio sopravvissuto di un minbar di legno nella capitale della Somalia è stato distrutto. Peggio ancora, un muro intatto, che era sopravvissuto per quasi otto secoli, è stato abbattuto per fare una nicchia da usare come nuovo pulpito per i sermoni del venerdì. Si noti che il minbar, o pulpito, è una caratteristica della moschea congregazionale o del venerdì e si può trovare solo in questo tipo di moschee. È usato dall’Imam per predicare il sermone del venerdì (khutbah). Ilminbar o pulpito, ricavato come una nicchia nel muro vicino al mihraab, non è una caratteristica delle moschee medievali ma di quelle del tardo XVIII secolo. Pertanto, realizzarlo in una moschea di quasi otto secoli fa significa, oltre ad aver danneggiato perennemente uno dei suoi muri più importanti, falsificare la storia e partecipare al processo di cancellazione delle tracce del passato.

Fig. 4 - Un’immagine recente che mostra il minbar ancora intatto.

Inoltre, il minbar distrutto era di grande importanza e - anche se probabilmente aveva alcune parti recenti – si faceva risalire all’anno 1253 H / 1837 E.C., ossia a poco meno di due secoli fa. Questa data si riferisce forse all'anno in cui il minbar di legno fu restaurato da Sheikh Sufi (1829-1905 d.C.), un religioso rispettato e un protagonista del suo periodo. Era un minbar che doveva ancora essere studiato nelle sue parti più antiche, così come in generale tutta la moschea Jaama'a, che non è stata ancora studiata in modo completo. Le istituzioni del paese sono intervenute tardivamente, su pressione di alcuni fedeli, per fermare la distruzione e - se hanno probabilmente evitato un disastro peggiore - hanno mostrato scarsa professionalità e preparazione per difendere il patrimonio storico della Somalia. Quel nuovo buco nel muro della moschea Jaama'a deve essere completamente chiuso per non falsificare la comprensione della storia e del minbar deve essere ricostruito e tornare alla sua posizione originale.

Se l'indagine determinerà che non c'è niente da fare per il vecchio minbar, esso dovrebbe essere sostituito da un nuovo minbar di legno realizzato da un grande artigiano del mondo islamico. È il minimo gesto di rispetto per la moschea Jaama'a, il monumento secolare che sorge nel quartiere di Hamarweyne a Mogadiscio, dove per otto secoli (forse di più) migliaia di giovani e centinaia di avvocati islamici sono stati formati e istruiti. È davvero triste scoprire che tra il popolo del Banaadir, gente con grandi protettori dei siti storici che i loro antenati hanno creato, ci siano anche coloro che si prestano a essere sfruttati per distruggere il rapporto tra le persone che vivono lì e il loro background storico.

Pubblicato 20/09/2018 06:00:13